Satoshi Nakamoto: 8 interessanti cose da sapere

Satoshi Nakamoto: 8 interessanti cose da sapere

01/02/2018 4 Di admin

Satoshi Nakamoto ha realizzato il software Bitcoin nel 2008 e lo ha reso open source nel gennaio 2009. Nel 2010, Satoshi è scomparso.

Come il film “Alla ricerca di Nemo” la caccia a Satoshi Nakamoto e’ altrettanto avvincente ma ancora senza esito. È affascinante vedere come Bitcoin sia diventato una cosa da molti miliardi di dollari, eppure il “padre dei bitcoin” è ancora sconosciuto. Nessuno sa nemmeno quale pronome usare (lui, lei o loro) mentre si riferisce a Satoshi Nakamoto perché non è ancora chiaro se lui / lei sia una persona o un gruppo di persone.

Ecco 8 fatti interessanti da sapere su Satoshi Nakamoto

Chiunque possa essere Satoshi Nakamoto, ci sono alcuni fatti interessanti sull’entità che ha dato vita a questa industria multi-miliardaria di criptovalute.

  • Fatto numero 1: perché Satoshi Nakamoto è famoso?

Il nome “Satoshi Nakamoto” è lo pseudonimo dell’inventore di Bitcoin. Nel 2008, qualcuno ha usato questo nome e ha spedito il white paper Bitcoin a una mailing list sull’argomento della crittografia. Questa mailing list conteneva persone famose che credevano nel decentramento e nella crittografia. Ecco perché questo nome è così famoso.

Come si evince dal nome, si presume che fosse un giapponese, ma il suo uso impeccabile dell’inglese nel white paper solleva dubbi su questa conclusione.

  • Fatto numero 2: il patrimonio netto di Satoshi

Si ritiene che Satoshi Nakamoto possieda 1 milione bitcoin (o più).. Nel gennaio 2009 Satoshi ha estratto il blocco Genesis e nel 2010 ha ufficialmente smesso di comunicare. In questo periodo, i bitcoin nati esistono sul registro blockchain, ma non sono stati usati o spesi. Ciò dimostrerebbe quanto possiede Satoshi. 1 milione di BTC è un numero enorme che, se scaricato improvvisamente, potrebbe devastare il mercato della crittografia. Ecco perché Bitcoin ha anche ottenuto l’appellativo di schema Ponzi perché il fondatore speculativo possiede una quota significativa.

 

  •  Fatto numero 3: Satoshi Nakamoto è in realtà un gruppo di società

Samsung Toshiba Nakamichi Motorola

Alcuni addirittura suggeriscono che Samsung, Toshiba, Nakamichi e Motorola hanno creato insieme Bitcoin, come si può capire dai loro nomi:

Samsung e Toshiba insieme fanno – Satoshi
Nakamichi e Motorola insieme fanno – Nakamoto

Sono tutte aziende attive nell’elettronica, sia di consumo che per altri usi, e che potrebbero avere le capacita’ di sviluppare l’idea della blockchain e del bitcoin.

Tuttavia, non esiste alcuna prova ufficiale per tale conclusione.

  • Fatto numero 4: Satoshi Nakamoto è probabilmente Nick Szabo

Nick Szabo, un informatico statunitense e crittografo è considerato da alcuni il fondatore di Bitcoin. Nick ha coniato il concetto di valuta digitale per l’era digitale creando “Bit Gold”. Bit Gold era l’antenato di Bitcoin. Tuttavia, non era usato dalle masse a causa delle limitazioni.

Dopo l’analisi del white paper di Satoshi, un blogger ha concluso che Nick Szabo era Satoshi Nakamoto. ma Nick non ha mai accettato questa ipotesi.

  • Fatto numero 5:  Satoshi Nakamoto è forse Craig Steven Wright

Craig Wright, un imprenditore australiano, ha dichiarato alla BBC il 2 maggio 2016 di essere l’inventore di Bitcoin. Tuttavia, quando è stato esaminato da sviluppatori core di Bitcoin come Peter Todd, Craig non è stato in grado di fornire alcuna prova di supporto accettabile per tale affermazione.

Anche se inizialmente, ha detto che sarebbe tornato con prove rilevanti, ha omesso di farlo, e ha detto sul suo blog che era “dispiaciuto” e “non aveva il coraggio” di continuare.

  • Fatto numero 6: Satoshi Nakamoto è probabilmente Dorian Nakamoto

Nel marzo 2014, un’altra speculazione è arrivata sull’identità di Satoshi. Una fonte di notizie affermò di aver trovato Satoshi e che egli vive in California.

Il suo nome completo, come riportato, era Dorian Prentice Satoshi Nakamoto. Era un fisico e un ingegnere dei sistemi che era stato recentemente licenziato dal governo.

Più tardi, la persona identificata ha negato tutte queste affermazioni e ha affermato di non essere il Nakamoto che tutti hanno cercato.

  • Fatto numero 7: Satoshi Nakamoto è probabilmente Hal Finney

Hal era un crittografo ancor prima del suo coinvolgimento con Bitcoin. Era sulla mailing list che ha ricevuto il white paper di Bitcoin di Satoshi Nakamoto.

Hal sosteneva di aver comunicato con Satoshi di sostenere i suoi test, il che portò alla conclusione speculativa che lui stesso fosse Satoshi. Lo stile di scrittura di Hal ricorda anche quello di Satoshi nel white paper di Bitcoin. Il sospetto svanì quando mostrò la sua conversazione via email con Satoshi, ma quella poteva essere solo una tattica di diversione.

Hal è stata la prima persona a ricevere una transazione Bitcoin da Satoshi il 12 gennaio 2009, dopo che Satoshi ha estratto il blocco Genesis il 3 gennaio 2009 alle 18:15:05 GMT.

Hal Finney è morto il 28 agosto 2014 dopo una battaglia contro la sclerosi amiotrofica laterale che gli era stata diagnosticata 5 anni prima.

  • Fatto numero 8: Fast Company ha trovato Satoshi Nakamoto

Un dipendente di Fast Company, una media company, ha affermato che Neal King, Vladimir Oksman e Charles Bry erano il gruppo di persone che ha creato Bitcoin. Questo dipendente lo ha dimostrato ricercando frasi uniche nel white paper di Satoshi.

Hanno persino brevettato la frase che appare sul white paper Bitcoin  “computationally impractical to reverse”(in italiano suona come: computazionalmente non pratico da invertire)

Tuttavia, tutti hanno negato pubblicamente tali accuse. Potete leggere l’interessante articolo pubblicato in merito, in inglese, cliccando qui.

L’anonimato di Satoshi Nakamoto

Qualunque cosa qualcuno possa dire o pensare, l’anonimato di Satoshi Nakamoto ha dimostrato di essere un fattore salutare per Bitcoin. Ma c’è ancora un grande mistero qui: dov’è Satoshi, cosa sta facendo Satoshi e perché Satoshi si nasconde?

Nessuno sa la verità!

Share Button