Bitcoin è una cospirazione? Le 7 principali teorie del complotto

Bitcoin è una cospirazione? Le 7 principali teorie del complotto

19/08/2018 0 Di admin

Di David Hamilton su CoinCentral  – C’è una cospirazione dietro Bitcoin? Secondo alcuni Bitcoiners, potenti forze stanno controllando lo sviluppo di BTC su scala globale. Il mercato delle criptovalute non è regolamentato. Pertanto, si verificano manipolazioni di prezzi. Queste manipolazioni hanno anche portato allo sviluppo di teorie cospirative di ampio respiro incentrate su BTC. Molti teorici della cospirazione di Bitcoin ora sostengono di avere prove credibili a sostegno (almeno in parte) delle loro affermazioni.

Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, rimane una figura anonima nella criptosfera. Il suo anonimato ha alimentato le idee di teorici della cospirazione e di Bitcoiners. Date queste circostanze, è facile capire che ci sipotrebbe meravigliare oltre ogni immaginazione. Prendiamoci un momento per indagare sulle sette teorie del complotto di Bitcoin.

BTC segna la fine dei tempi

Questa teoria ruota intorno al Libro delle Rivelazioni della Bibba, carattere 13. Questo verso della Bibbia parla della fine del mondo, spiegando il “Marchio della bestia”. Nella storia, tutte le persone devono avere il marchio della bestia per sopravvivere. Questi segni sono necessari per comprare cibo e vivere in questa società distopica senza contanti.

Mentre Bitcoin rappresenta un passaggio a una società senza contante, è altamente improbabile che sia la pedina del diavolo. Una semplice ricerca su Google può rivelare numerosi casi in cui fanatici religiosi si oppongono ai progressi scientifici e matematici nel corso della storia. Ad esempio, Galileo fu condannato per eresia nel 1633 per aver affermato che la Terra non era il centro immobile dell’universo.

Bilderberg  e Bitcoin

Questa cospirazione sul Bitcoin afferma che membri del gruppo Bilderberg, la Federal Reserve e Mastercard hanno cospirato per conquistare il mercato BTC attraverso l’uso di sussidiarie. Il gruppo Bilderberg è un’organizzazione privata composta da molte delle persone più influenti del mondo. La teoria è che il gruppo Bilderberg, attraverso la sua controllata, AXA Strategic Ventures, ha investito $ 55 milioni in Blockstream.

Blockstream è uno dei principali finanziatori del team di sviluppo di Bitcoin e il gruppo Bilderberg contiene alcune delle persone più ricche del mondo. Questa strategia di investire pesantemente nello sviluppo di BTC darebbe un controllo significativo alla triade se la teoria si dimostrasse corretta. Si dimostrerebbe anche una considerevole mercificazione della visione originale di Satoshi per una valuta decentralizzata.

Complotto NSA

La cospirazione NSA Bitcoin afferma che l’Agenzia americana per la sicurezza nazionale ha inventato l’algoritmo SHA-256. Questo algoritmo è il protocollo matematico con cui funziona il sistema Proof-of-Work di BTC. La teoria è emersa in seguito alle rivelazioni del 2013 che l’NSA sta spiando, o almeno ha le capacità di spiare, tutte le attività web mobile attraverso una backdoor incorporata. I credenti in questa teoria sostengono che è possibile che l’NSA abbia installato un algoritmo di backdoor simile all’interno del protocollo SHA-256.

Questa teoria non regge bene quando si considera che SHA-256 è un algoritmo aperto che i migliori crittografi del mondo hanno esaminato per oltre quindici anni senza scoprire difetti. Inoltre, il National Institute of Standards and Technology elenca ancora SHA-256 come protocollo sicuro.

La Cina ha inventato Bitcoin

Questa cospirazione su Bitcoin ruota attorno alle azioni del governo cinese. La teoria afferma che la Cina è lo sviluppatore originale della criptovaluta. Mentre il concetto sembra inverosimile, la Cina ospita potenzialmente il maggior numero di miners BTC nel mondo. In Cina c’è anche la sede del più grande produttore di mining rig BTC al mondo: Bitmain.

L’anno scorso, la Cina ha bloccato il mercato delle cripto vietando le Initial Coin Offerings (ICO) e chiudendo tutti gli exchange cinesi. Allo stesso tempo, la Cina stava dominando il settore del mining e il governo stava ancora studiando la blockchain. Questa manovra ha creato una situazione in cui i cittadini cinesi sono stati limitati nel loro accesso alle cripto mentre il governo della nazione continua ad aumentare le loro attività nel settore. Potrebbe essere che il paese riconosca il valore futuro di BTC, ma queste strategie contraddittorie possono portarti a chiedersi quali siano i veri motivi della Cina?

AI Satoshi

Bitcoin contiene 31 mila righe di codice. I programmatori professionisti ti diranno che questa non è una grande quantità. Per mettere in prospettiva le dimensioni del protocollo BTC, Windows ha 50 milioni di righe di codice. Tuttavia, la qualità della codifica e dell’impatto della tecnologia ha portato un piccolo gruppo di Bitcoiner a credere che l’Intelligenza Artificiale (AI) abbia sviluppato BTC.

Le discussioni su Bitcointalk riguardo alla probabilità di questa teoria sono abbondanti. Ad oggi non è emersa alcuna prova concreta, ed è difficile immaginare che qualcuno possa programmare un’AI così avanzata. Nonostante la mancanza di prove relative a questa affermazione, potrebbe continuare ad esistere nelle menti di un piccolo gruppo di Bitcoiner fino a quando Satoshi Nakamoto non si farà avanti, se mai lo farà.

Un singolo trader ha orchestrato il crack di Mt. Gox

Le prove presentate da BitcoinMarkets su Reddit sembrano collegare la caduta di Mt Gox ai movimenti di un singolo tradesr. Mt. Gox è stato il più grande exchange al mondo fino a quando non è collassato a febbraio 2014 a causa di numerosi hack. Il crollo dello scambio ha condizionato l’intero mercato BTC per mesi.

Secondo questa nuova prova, il 22 dicembre 2017, un fiduciario ha spostato 6.000 BTC operazione che ha fatto scendere il valore della moneta da 16.000 a 10.000 dollari in breve tempo. Lo stesso venditore ha scaricato altri 6.000 BTC il 31 gennaio e altri 6.000 BTC il 5 febbraio.

È possibile che questo singolo trader fosse un gruppo di individui che operano dallo stesso indirizzo BTC. I dati sembrano indicare uno sforzo concertato per conquistare il mercato. Il fantasma di Mt. Gox sembra che non lasciare il mondo delle cripto da solo troppo a lungo. Quest’ultima reincarnazione è solo una parte di una lunga serie di famigerati incidenti targati Mt. Gox tra cui il crollo del mercato e l’invio erroneo di 80 BTC.

I governi stanno acquistando tutti i Bitcoin

Quest’ultima teoria della cospirazione non ci vuole molto per capirla. Secondo i credenti di questa teoria, i governi di tutto il mondo stanno segretamente comprando tutti i BTC nel mondo.

Anche se può essere difficile dimostrare con precisione quanti Bticoin posseggano i governi, c’è stato un aumento delle confische di valute crittografice. Queste confische hanno portato ad alcuni aumenti dei finanziamenti per i paesi coinvolti. Esiste un elenco di paesi, compresi gli Stati Uniti, che non sta ufficialmente conservando BTC, ma ha fatto milioni con la vendita di monete confiscate.

Possibilità di altri complotti di Bitcoin

BTC ha una storia di coinvolgimento in teorie complottare di ampio respiro. Le misteriose origini di questa criptovaluta susciteranno sicuramente l’immaginazione dei teorici negli anni a venire. Dovresti aspettarti di vedere svilupparsi ancora più teorie complottistiche su Bitcoin mentre gli effetti della tecnologia blockchain continuano a diffondersi a livello globale. Per ora, è saggio prendere questi concetti con le pinze.

Questo articolo e’ stato originariamente pubblicato su CoinCentral.com e scritto da David Hamilton e potete leggere la versione originale in inglese cliccando qui.

La traduzione dell’articolo originale a cura di Timeofweb.com ha subito delle piccole modifiche di carattere grammaticale per renderne scorrevole la lettura in lingua italiana. 

Share Button